Silvia Bolognesi

Events

Nexus 5tet

12196050_985062534872929_2270207787007175375_n
  • Date: marzo 17, 2017
  • Location Cremona
  • Venue: Soresina

12196050_985062534872929_2270207787007175375_n

Daniele Cavallanti
tenor/baritone sax/ney flute

Achille Succi
alto sax – bass clarinet

Emanuele Parrini
violin/viola

Silvia Bolognesi
bass

Tiziano Tononi
drums

Generazioni a confronto per la nuova formazione di NEXUS, lo storico collettivo guidato da Daniele Cavallanti e Tiziano Tononi
Il gruppo si forma alla fine del 1980 per iniziativa di Daniele Cavallanti e Tiziano Tononi. Da subito si propone l’obiettivo della ricerca di un linguaggio di sintesi tra elementi di diversi momenti evolutivi della storia del Jazz, filtrati attraverso il riferimento ad alcune tra le più significative esperienze degli anni ’60 (Mingus, Coleman, Coltrane, Taylor, Shepp, Cherry, Liberation Music Orchestra, Art Ensemble of Chicago).
In questi ultimi anni Nexus è diventato sempre di più una sorta di workshop band, in cui hanno suonato molti musicisti (Pino Minafra, Luca Bonvini, Paolino Dalla Porta, Roberto Ottaviano, Lauro Rossi, Glenn Ferris, Piero Leveratto, Mark Dresser, Roberto Bonati, Enrico Rava, Tino Tracanna, Attilio Zanchi, Gianluigi Trovesi, Giancarlo Schiaffini, Herb Robertson), aggiungendo la loro voce a quello che è sempre stato comunque il “sound Nexus”. Nexus ha partecipato a importanti Jazz Festival in Italia: Milano, Clusone, Cagliari, Bolzano, Trento, Roma, Pavia, Noci, Vignola, Talos Ruvo di Puglia, Verona, Venezia. Ha compiuto tours in Germania e Olanda nell’82, ’83 e ’85 e ha suonato ai Festival Jazz di Vienna, Colonia, Le Mans, Kempten, Mulhouse, Vilshofen, Gent, Opeye, Saarbrucken St. Ingbert, Tampere, Valence, Vancouver, Braga. Il repertorio del gruppo consiste interamente di composizioni originali dei due leaders, più alcuni progetti speciali dedicati alle figure di Albert Ayler (ref. CD “The Preacher and the Ghost”), Don Cherry (ref. CD “Awake Nu”), John Coltrane (ref. CD “Coltrane’s Infinity Train”), Roland Kirk e Duke Ellington (ref. CD “We Did It, We Did It”).